10.11.2017 |
Liz W.
Costruire ponti.

Creare una supply chain sostenibile in paesaggi complessi

Che cosa ha a che fare il packaging del cibo take-away con la protezione degli elefanti di Sumatra? Più di quanto si possa pensare. Nel 2013 Asia Pulp & Paper (APP), uno dei leader mondiali dell’imballaggio out-of-home, ha deciso di fare un enorme passo avanti verso la sostenibilità della propria catena di approvvigionamento lanciando l’ ambiziosa Forest Conservation Policy (FCP - Politica di Conservazione Forestale). Ma APP va ben oltre la propria Policy: supporta gli stakeholder a livello locale e internazionale all'interno dei paesaggi complessi in cui operano e ha avviato, insieme alla Fondazione Belantara, centinaia di progetti di potenziamento delle comunità locali. Ma perché la responsabilità sociale d’impresa in APP è così importante?

Sostenibilità e approccio multi-stakeholder

APP dispone di 9 strutture produttive in Indonesia e più di 20 operazioni in Cina. Inevitabilmente, questi impianti hanno un impatto sulle comunità vicine, ma APP sta sviluppando diversi programmi per rendere la produzione sostenibile e socialmente responsabile. Con la propria FCP, APP si è impegnata a interrompere lo sfruttamento della foresta naturale, a proteggere le foreste presenti sulle torbiere, a rispettare i diritti degli indigeni, nonché i diritti umani dei lavoratori e a sostenere la silvicoltura implementata dalle comunità. Tuttavia APP ritiene che le aziende debbano andare oltre la sostenibilità della catena di approvvigionamento e impegnarsi in maniera fattiva in programmi di conservazione e recupero forestale. Ecco perché l'azienda si è impegnata a conservare e ripristinare 1 milione di ettari di foresta, con un’estensione pari alla dimensione della Giamaica o a 1,4 milioni di campi da calcio.

Tuttavia, nonostante questi impegni, molte sfide rimangono ancora da superare come gli insediamenti antropici illegali, i conflitti sociali e gli incendi boschivi. Le comunità locali spesso non hanno accesso alle risorse di base e quindi dipendono fortemente dall’ambiente circostante. Nella loro lotta per la sopravvivenza, minacciano l'ambiente attraverso il taglio illegale delle foreste e pratiche come lo ‘slash-and-burn’ (abbatti e brucia) per ottenere nuove aree da adibire a colture agricole.

Prevenire è meglio che curare. La lotta contro la povertà e il potenziamento delle comunità locali è fondamentale per impegnare gli abitanti nella protezione delle foreste pluviali. Le comunità locali sono stakeholder cruciali per il territorio indonesiano. APP riconosce quanto sia fondamentale la cooperazione con tutti gli stakeholder che agiscono all’interno o nelle vicinanze delle aree in concessione, ma è altrettanto consapevole che la sua azione non può essere portata avanti in maniera isolata. Per questo motivo APP adotta un approccio multi-stakeholder. È un processo complesso e impegnativo, necessario a identificare i diritti e le responsabilità di tutti i soggetti coinvolti rispetto sia alle loro aspettative sia ai diversi usi del territorio. Eppure, in una proiezione a lungo termine, è la modalità migliore per proteggere le foreste naturali e creare imprese sostenibili.

     

Territori che rivivono

APP ha selezionato 10 paesaggi prioritari, da preservare e/o recuperare, in consultazione con i propri stakeholder. Questi paesaggi sono al centro del lavoro della Fondazione Belantara, un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro creata per iniziativa APP nel 2014. La fondazione è un'importante piattaforma di collaborazione per le comunità locali, la società civile, i governi e le imprese locali. Belantara coordina le diverse iniziative di coloro che sono impegnati in progetti di conservazione incentrati sulle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan.

La fondazione consente la canalizzazione di finanziamenti pubblici e privati verso le comunità locali e altri attori che implementino progetti di protezione della foresta e della biodiversità. Finanzierà programmi di ricerca e programmi di agro-foresteria comunitari che aiutino a ripristinare il manto forestale naturale e a proteggere specie minacciate, come la tigre di Sumatra, l'elefante e l'orango. Belantara offre anche programmi di rafforzamento di quelle economie locali che basano la loro sopravvivenza interamente sulle risorse naturali. Questi programmi sostengono gli indigeni nel passaggio a forme di agricoltura più sostenibili, nel potenziamento delle proprie capacità commerciali e nell’avviamento di imprese locali.

Un esempio dell’operato della Fondazione è il progetto avviato nella regione di Bukit Tigapuluh in Sumatra Orientale. Gli elefanti qui sono fortemente in pericolo perché i loro habitat si deteriorano. Le ONG locali che lavorano con Belantara cercano di ridurre al minimo il conflitto tra uomo e fauna selvatica attraverso la gestione forestale, installando per esempio, tasche di cibo e corridoi per il passaggio di elefanti. I programmi di sensibilizzazione e di formazione aiutano a prevenire il conflitto uomo-pachidermi. Oltre alla protezione degli elefanti, il progetto in Sumatra Orientale protegge anche le vite dei locali e migliora i loro standard di vita.

Un’altra modalità con cui APP si rivolge agli stakeholder locali è il suo sistema IFFS Integrated Forestry and Farming System, un sistema e pluripremiato che integra arboricoltura, allevamento e agricoltura, lanciato a COP21 a Parigi lo scorso dicembre 2015. IFFS è un programma dal valore di 10 milioni di dollari volto a promuovere progetti di sostegno alle comunità in 500 villaggi. Nel maggio 2017, 75 villaggi hanno attuato le attività IFFS in cinque province indonesiane. APP vuole raggiungere entro la fine del 2017 un totale di 200 villaggi coinvolti. Una prima valutazione dello scorso gennaio mostra che la relazione e il flusso di comunicazione tra le comunità e APP sono migliorati e che gli attori locali sono sempre più coinvolti.Un’altra modalità con cui APP si rivolge agli stakeholder locali è il suo sistema IFFS Integrated Forestry and Farming System, un sistema e pluripremiato che integra arboricoltura, allevamento e agricoltura, lanciato a COP21 a Parigi lo scorso dicembre 2015. IFFS è un programma dal valore di 10 milioni di dollari volto a promuovere progetti di sostegno alle comunità in 500 villaggi. Nel maggio 2017, 75 villaggi hanno attuato le attività IFFS in cinque province indonesiane. APP vuole raggiungere entro la fine del 2017 un totale di 200 villaggi coinvolti.

Una prima valutazione dello scorso gennaio mostra che la relazione e il flusso di comunicazione tra le comunità e APP sono migliorati e che gli attori locali sono sempre più coinvolti.

           

APP ha compiuto buoni progressi nella gestione del territorio e dei paesaggi, poiché ha fatto della sostenibilità della propria supply chain la propria politica commerciale. Tuttavia, una catena di fornitura sostenibile non è sufficiente a garantire l'equilibrio tra la conservazione del paesaggio, le comunità locali e la loro crescita sostenibile. È per questo che APP ha portato la propria responsabilità sociale a un ulteriore, nuovo livello. Insieme a Belantara, costruisce ponti tra più stakeholder e consente alle comunità locali di impegnarsi a proteggere la foresta naturale e la sua fauna selvatica.

Come ha recentemente dichiarato Thich Nhat Hanh - monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace.: "Se vuoi salvare il pianeta, se vuoi trasformare la società, hai bisogno di una comunità forte".

Seguici su Twitter @AsiaPulpPaperEU

Tags:
Categorie:
commenti (0)
per vedere tutti i video ...
per vedere tutte le immagini ...
Tweet recenti
Follow @AsiaPulpPaper